I.P.S.S.A.R. KAROL WOJTYLA di Catania

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • Consenso all'uso dei cookie

    Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente acconsente all'uso dei cookie.

    Informativa estesa sui cookie

Comenius “Le mariage: toute une histoire”

E-mail Stampa PDF

Si è concluso il progetto Comenius in lingua francese Le mariage: tuoute une histoire…, promosso dall’Ipsseoa “Karol Wojtyla” di Catania, scuola ospitante, per promuovere un dialogo intergenerazionale e interculturale, creando strategie per l’acquisizione delle lingue straniere, che ha accolto le delegazioni di alunni e docenti provenienti da Francia, Spagna, Germania e Belgio accolta con calore e disponibilità (con arrivi il 19 aprile e partenza il 25), mettendo a disposizione locali e attrezzature. I docenti si sono confrontati con i colleghi europei, favorendo così la presa di coscienza dei valori culturali comune europei, al di là delle differenze; così attraverso gli scambi e le attività di progetto, si sono evidenziati i valori comuni che costituiscono la cultura europea. Un percorso iniziato lo scorso febbraio, accolti dalla scuola Cecs La Garenne di Charleroi, e le attività sono state coordinate entrambi gli anni dai docenti: Alessandra Costarella, lingua francese, Mario La Rosa, inglese, con il contributo di Claudia Cardone. Focus dell’incontro: il matrimonio, un’istituzione che riflette ogni singolo aspetto della società che lo istituisce. Per l’occasione è stata organizzata una conferenza dall’Istituto “Karol Wojtyla”, passaggio importante del progetto Comenius, nell’aula magna del Convitto nazionale “Mario Cutelli” “Il matrimonio e le sue tradizioni. Storia, arte e società fra Ottocento ai giorni nostri”; ha aperto il lavori il dirigente dott. Daniela Di Piazza con un incisivo intervento e formulando i ringraziamenti al Dirigente Scolastico del Convitto Cutelli per la sua disponibilità, ai docenti che hanno reso possibile la realizzazione dell’evento e in particolare Costarella. A seguire l’interessante riflessione di Benedetto Caruso - Dirigente responsabile - Unità Operativa di Base - Beni demoetnoantropologici - che ha presentato la sua équipe di lavoro. Notevoli e accurate relazioni storiche di Rosy Orlando e Giusy Gattuso, che hanno approfondito l’argomento Conoscenza, fidanzamento e matrimonio in Sicilia. Usi, costumi e tradizioni fra Ottocento e Novecento, ponendo l’accento su usi antichi legati al matrimonio.

Leggi tutto...
 

Calendario esami preliminari - candidati esterni esami di Stato 2014-2015

E-mail Stampa PDF

 

Giornata del Rugby

E-mail Stampa PDF

Regolamento di gioco - variazioni per il Rugby seven e modifiche

Premessa
La manifestazione è a carattere amichevole, in quanto nasce dal comune intento degli istituti che vi prendono parte, di promozionare ed incentivare il gioco del rugby all’interno delle istituzioni scolastiche. La manifestazione si chiuderà con la consegna di un attestato di merito, con l’indicazione del risultato raggiunto, a ciascun giocatore. Il fair-play, caratteristica propria del gioco del rugby, dovrà essere l’obiettivo principale della manifestazione.

Classi

Alunni nati negli anni 1998-1997-1996, e’ ammesso in distinta un solo alunno nato nel 1999.

Composizione delle squadre
Ogni squadra potrà essere composta da 10 giocatori di cui 7 in campo. Non sono ammesse squadre composte esclusivamente da 7 giocatori, senza possibilità di cambi in panchina. Tutti i giocatori devono essere utilizzati nell’incontro.

Modalità di gioco
Le squadre si incontreranno in un girone unico all’italiana.

Tempi di gioco
Gli incontri si disputano in 2 tempi di 7’ ciascuno con intervallo di 2’.

Impianti ed attrezzature
Il campo rispetterà le misure regolamentari previste per il rugby seven.

Abbigliamento
Scarpe da gioco munite di tacchetti di gomma o plastica senza anima metallica.

Disposizioni tecniche
Ogni meta vale 5 punti. Il calcio di trasformazione vale 2 punti, ma va battuto mediante calcio di rimbalzo (drop). Dopo la segnatura di una meta il calcio di rinvio viene effettuato dalla squadra che l’ha realizzata. Il pallone può essere giocato con i piedi solamente dentro i “22”, segnati a m. 10 circa dalla linea di meta. La conquista del pallone può avvenire solo attraverso il tallonaggio, è vietata la spinta. Alla rimessa laterale nell’allineamento partecipano 2 giocatori per squadra e non si può alzare il saltatore. Sono ammesse le sostituzioni “volanti”, il giocatore sostituito può rientrare. La mischia è composta da 3 giocatori per squadra. Per penalità grave (cartellino giallo), il giocatore subisce l’espulsione temporanea dal campo per 2’.

Assistenza medica sanitaria
L’assistenza medico sanitaria, durante lo svolgimento della manifestazione, è a carico degli Istituti scolastici partecipanti. Il CUS Catania, settore rugby, metterà a disposizione un medico a bordo campo.

Arbitraggio
Gli Istituti partecipanti, potranno inserire nel Modello B1, alunni o docenti, tesserati o ex tesserati con la FIR, con compiti di arbitraggio.

 

UdA “Che bedda a nostra Catania”

E-mail Stampa PDF

Il giorno 13 aprile 2015 per la classe 2^H di via Raccuglia ed il giorno 17 Aprile 2015 per la classe 2^J dello stesso plesso, gli alunni delle suindicate classi hanno svolto l’attività pratica prevista dall’U.d.A. direttamente sui siti cittadini loro assegnati dal docente prof. Antonino Caltabiano e Petralia Giuseppe. Gli alunni della classe 2^H sono stati accompagnati dai docenti A.Caltabiano, L.Ginex e G.Petralia ed ogni singolo alunno ha illustrato il sito assegnato mentre il resto della classe svolgeva la funzione di “turista”. Ciò, ha fatto capire ai singoli alunni che tale attività non è semplice poiché ci vuole tanta ricerca, parecchia memoria, molta preparazione e proprietà di linguaggio. Inoltre gli alunni hanno notato la presenza di parecchi “veri turisti” con una guida locale che parlava speditamente l’inglese ed altre lingue comunitarie e ciò ha fatto capire loro l’importanza dello studio delle lingue straniere. Il giorno 17 aprile la stessa attività è stata svolta dagli alunni della 2^J accompagnati dai docenti A. Caltabiano, G. De Lucia e G. Petralia. Gli alunni hanno anche loro seguito le medesime modalità della precedente classe con una sola eccezione che mentre un alunno illustrava il Palazzo degli Elefanti, sede del Comune di Catania, l’intera classe accompagnatori compresi sono stati invitati a visitare tutto l’interno dell’edifico guidati dal Cerimoniere del Comune di Catania Commendatore Luigi Maina, il quale con infinita disponibilità ha mostrato agli alunni e ai docenti le bellezze architettoniche del Comune di Catania e di tutti i “tesori” all’interno dello stesso. Le tele dello “Sciuti” pittore zafferanese non da tutti conosciuto, una statua in bronzo di Emilio Greco, l’ampio salone di rappresentanza dove sono stati accolti Presidenti della Repubblica, Capi di Stato e di Governo, monarchi e personalità importanti. Inoltre ci sta anche la poltrona dove si è seduto il Papa Giovanni Paolo II divenuto Santo e che oggi viene venerata come una reliquia. Continuando il giro, gli alunni hanno potuto osservare una ricca vetrina con delle reliquie di “S. Agata” e qualche atro importante tesoro. Inoltre hanno attraversato la galleria dei Sindaci di Catania dal dopoguerra ad oggi dove ci stanno i ritratti degli stessi fino a quello attuale. Infine il “Cerimoniere” ha fatto visitare l’aula Consiliare riccamente decorata dal pittore maestro “Contraffatto” con ricchi dipinti alle pareti ed il fascino della volta del tetto con ai bordi immagini rappresentative del “carattere” del popolo catanese. Gli studenti sono rimasti affascinati dalla loquacità e dalla ricchezza di notizie oltre che dalle molteplici informazioni fornite dal Cerimoniere e da ciò hanno anche compreso che fare la “guida turistica” comporta tanta passione ed anche tantissimo studio e documentazione. Entrambe le esperienze sono state giudicate oltremodo soddisfacenti per gli alunni soprattutto per quelli che vorranno in futuro intraprendere tale attività lavorativa.

proff. Giuseppe Petralia e Antonino Caltabiano


 

Special Football Cup - Primavera 2015

E-mail Stampa PDF

A Torre del Grifo una straordinaria giornata di calcio e di condivisione per centinaia di ragazzi si è svolta il 13 aprile 2015 nella splendida ed assolata cornice del nostro Centro Sportivo "Calcio Catania". Va in archivio con sorrisi e soddisfazione degli organizzatori, la "Special Football Cup - Primavera 2015", torneo di calcio a 5 integrato misto riservato agli studenti degli Istituti Scolastici di Primo e Secondo grado della Provincia di Catania. La manifestazione odierna ha impreziosito un progetto fortemente voluto e curato dalla Delegazione Provinciale FIGC di Catania, unitamente al Settore Scuola Sport del Comitato Italiano Paralimpico ed in collaborazione con Torre del Grifo Village.

 

Leggi tutto...
 

Nuovo sito web USR-Sicilia-ATP-Catania

E-mail Stampa PDF

 

 

Convegno nazionale per il personale della scuola organizzato dal CESP

E-mail Stampa PDF

Il disegno di legge del governo:
il controllo delle scuole tra valutazione e nuovi poteri ai presidi

Martedì 27 aprile 2015 ore 9,00 - 13,00
Liceo Scientifico "G. Galilei", via Vescovo Maurizio, Catania

Introduzione e Coordinamento: Teresa Modafferi (CESP-Sicilia)

Relazioni:

La cattiva scuola di Renzi, i quiz Invalsi, valutazione e "meritto"
(A. De Cristofaro, docente L.S.S. E. Boggio Lera)

DDL: finisce la democratica scuola?
(A. Sciuto, CESP-Catania)

Ancora una volta non è una "Buona Scuola" per bambine, ragazze, donne
(A. Di Salvo, La Città Felice)

Dibattito

Conclusioni

È previsto l'esonero dal servizio per tutto il personale docente e ATA (art. 64 commi 4,5 e 7 del CCNL 2006/2008).
Iscrizione gratuita - Attestato di partecipazione.

 

7° Trofeo Antonio Di Piazza

E-mail Stampa PDF

La 7° edizione del Trofeo “Antonio Di Piazza” si avvia alla fase conclusiva e nell’aula magna dell’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” di Catania, si è tenuta la premiazione delle gare di “Calcio a 5” svolte al Cus di Catania il 22 aprile tra scuole secondarie di 1° grado, e si sono qualificati ai play off, portando tre prodigiose vittorie, coronate da una catena di successi tra recuperi, rimbalzi ed emozioni raggiungendo l’obiettivo simbolico ma significativo di arrivare al traguardo: istituti “De Amicis” di Tremestieri Etneo 1° classificato, “Dusmet – Doria” 2°, Convitto nazionale “Cutelli” Catania 3°. Il 23 aprile le secondarie di 2° grado con un confronto lealmente agonistico nell’area play off, hanno dato compattezza al gruppo i giovani giocatori debuttanti, raggiungendo equilibrio tattico, funzionali al modulo e in sinergia tra di loro con caratteristiche tecnico-tattiche, conseguendo una solidarietà anche difensiva; e tra recuperi e difficoltà si tinge così di rosa la vittoria per l’ITI “Cannizzaro” 1° classificato, Ipsseoa “Karol Wojtyla” 2°, “Duca degli Abbruzzi” 3°, “De Felice – Olivetti” Catania 4°. Ai premiati è stato consegnato un gagliardetto con le medaglie e gli attestati di partecipazione ai ragazzi. Staff organizzativo: prof. Mari Grazia Fiamingo, Munzone Claudia e Carmelo Crispi. Hanno dato un input qualificante alla manifestazione i messaggi dati dal dirigente Ipsseoa Daniela Di Piazza annunciando un futuro gemellaggio con un istituto in Inghilterra per favorire lo scambio linguistico e culturale, perché lo sport favorisce una crescita sana dei ragazzi, il coordinatore di Educazione fisica Sergio Regalbuto ha sottolineato la “valenza educativa dell’evento (trofeo) e l’importanza di queste attività per educare allo sport e alla legalità e al benessere psicofisico”, Nino Puleo del CUS Catania “lo sport è vita, lealtà e amicizia e insegna il rispetto di se stessi, dell’avversario e delle regole. Questo memorial è nato in seguito al progetto Sport e legalità per unire Palermo con Catania”. La manifestazione conclusiva al fine di raggiungere un traguardo sempre più elevato si disputerà all’Ics “G. Falcone” di Palermo.

Leggi tutto...
 

Comenius “Le Mariage: toute une histoire...” - Charleroi (Belgio) 8-13 febbraio 2015

E-mail Stampa PDF

La 4a mobilità del progetto Comenius in lingua francese “Le mariage toute une histoire...”si è svolta a Charleroi in Belgio dall’8 al 13 febbraio 2015. Le delegazioni europee (Italia-Belgio-Francia-Germania-Spagna) sono state accolte dai docenti del CECS-La Garenne di Charleroi, un'istituto superiore che fra le varie specializzazioni annovera quelle di Coiffure e di Esthétique.

Docenti I.P.S.S.E.O.A. “K.Wojtyla” partecipanti:

  • Prof.ssa Alessandra Costarella (docente di lingua francese)
  • Prof. Mario La Rosa (docente di lingua inglese)
  • Prof.ssa Claudia Cardone (docente di lingua francese)

Alunni partecipanti:

  • Simone Spinosa 4 E EN – Via Raccuglia
  • Mariasole Bonfiglio 4 E SV – Via Raccuglia
  • Francesco Privitera 4 E SV – Via Raccuglia
  • Angela Viglianesi 4 I EN – Viale Tirreno
  • Erika Marchese 4 A AT – Via Lizio Bruno
  • Federica Di Domenico 4 O AT – Via Anfuso

Attività svolte dai coordinatori:

 - Revisione delle fasi del progetto
- Programmazione delle attività da svolgere durante l'ultima mobilità che si svolgerà presso il nostro Istituto la settimana dal 19 al 24 aprile 2015.

 Attività svolte da docenti e studenti

 - Conoscenza della scuola e delle sue attrezzature
- Condivisione dei materiali prodotti da ogni paese partner (video-interviste)
- Attività di traduzione e sottotitolaggio dei video realizzati dagli alunni sulle tradizioni matrimoniali europee. Ogni delegazione ha tradotto i dialoghi dalla proprio lingua (italiano-spagnolo-francese-tedesco) in inglese.
- Partecipazione ad una sfilata centrata sugli abiti nuziali da fine Ottocento ai giorni nostri. Le alunne e gli alunni hanno sfilato nei costumi d'epoca con le relative acconciature, elaborate dall'équipe dei docenti del Belgio.

 Visite culturali

 - La cittadina di Charleroi
- L'ex-miniera del Bois du Cazier
- Bruxelles, il Parlamento Europeo e l'Atomium

 Ricaduta sugli alunni e/o sui docenti

L'ospitalità in famiglia consente una piena immersione nella realtà locale, nelle tradizioni del paese ospitante, nei suoi usi e costumi. Il contatto con una dimensione diversa da quella del proprio quotidiano non può che arricchire il patrimonio personale di ciascun individuo. I nostri alunni hanni avuto modo così di conoscere una realtà scolastica di un paese europeo, di socializzare con alunni stranieri, arricchendo le abilità comunicative in lingua straniera e di conseguenza il proprio bagaglio culturale. La presenza di famiglie discendenti da emigrati siciliani ha rappresentato un vero e proprio fil rouge fra il Belgio e la Sicilia.

 

Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri 2015

E-mail Stampa PDF

I migliori allievi della ristorazione italiana a Vittorio Veneto per la 3 giorni di Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri. Appuntamento nella preziosa cittadina veneta il 21, 22 e 23 aprile prossimi.

Sarà l’Istituto Alberghiero “Alfredo Beltrame” di Vittorio Veneto (in provincia di Treviso) ad accogliere dal 21 al 23 aprile prossimi l'attesissima Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri, il contest che premia i migliori studenti italiani nei settori Enogastronomia, Sala e vendita, Accoglienza turistica. Concepita per scoprire e valorizzare i giovani talenti della ristorazione (l'età media è di 17 anni), la Gara Nazionale si svolgerà quest'anno nella preziosa cittadina del trevigiano in forza dei titoli conseguiti dagli allievi dell'Istituto vittoriese proprio l'anno scorso a Verona in occasione dell'edizione 2014: due primi premi, per il settore sala e vendita e accoglienza turistica, e il conseguente titolo di scuola d'eccellenza d'Italia.
Nel corso delle 3 giornate di Gara, 130 ragazzi provenienti da tutta Italia gareggeranno in prove progettuali e pratiche impegnative sotto lo sguardo di una giuria di professionisti e insegnanti, mettendo così a frutto conoscenze e abilità acquisite a scuola. Previa prenotazione, infatti, potranno partecipare al ricco calendario di appuntamenti collaterali pensati dal Beltrame: una tavola rotonda sul biologico (21 aprile) e una sulle nuove frontiere del turismo 2.0 (23 aprile) in collaborazione con H-Farm, factory veneta campionessa di innovazione in Italia; il convegno sulla Prima Guerra Mondiale che onora Vittorio Veneto, Medaglia d'Oro al Valor Militare, con testimonial il campione mondiale di pasticceria Leonardo Di Carlo (22 aprile). A questi 3 eventi si aggiungono le visite a una rosa di aziende top del mercato del food e della ristorazione; percorsi per cantine, per le “strade” del Prosecco, con degustazioni, per dare visibilità a prodotti tipici della terra trevigiana; i Talk con delle vere e proprie star della cucina e della gastronomia, già ambasciatori nel mondo di un'eccellenza tutta italiana.
La Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri di Vittorio Veneto è un'occasione assai preziosa di valorizzazione del territorio, dei suoi prodotti e del suo ricco patrimonio artistico, resa possibile dall’Istituto “A. Beltrame” di Vittorio Veneto con la collaborazione del Comune, della Provincia di Treviso e il supporto della Regione Veneto.

 

Veneto… Incontri “divini”: il Vinitaly 2015

E-mail Stampa PDF

È sceso il sipario sulla quarantanovesima edizione del Vinitaly, manifestazione-evento tenutosi a Verona dal 22 al 25 marzo. Protagonisti assoluti i vini, con oltre seicentomila bottiglie stappate e centoventimila calici per le degustazioni, attraverso un percorso tra stand e padiglioni che in unico centro fieristico ha unito da nord a sud tutti i colori, i profumi e i sapori d’Italia. L’Istituto Karol Wojtyla, presente all’evento, ha partecipato attivamente con i suoi ventidue studenti del terzo anno, del settore sala-vendita, impegnati nella mescita dei vini siciliani. Posto d’onore, all’interno del padiglione Sicilia, lo ha avuto “sua maestà Etna” con le sue aziende: Antichi Vinai, Barone di Villa Grande, Nicosia, Patria, e ancora le aziende siciliane della C.C.I.A.A. Ampelon, Al-Cantara, La Gelsomina, Emmi, Valle Galfino, Biondi, Terre dell’Etna, Vivera, Grasso, Calcagno, Il Gigliotto, che hanno accolto gli studenti all’interno dei loro stand, offrendo loro l’opportunità di approfondire il loro bagaglio culturale e professionale. Il Vinitaly ha infatti rappresentato uno straordinario momento formativo dal punto di vista didattico nonché relazionale per gli alunni dell’istituto alberghiero, che hanno avuto modo di misurare “in campo” le competenze acquisite. Grande novità in questa edizione è stata la partecipazione del nostro istituto alla degustazione riservata “Sorsi d’eccellenza”, dei Prosecchi DOCG di Conegliano Valdobbiadene e dei vini DOCG della Valpolicella. La degustazione, a cura dell’Unione Consorzi Vini Veneti DOC e Associazione Italiana Sommelier – Veneto, ha consentito un percorso sensoriale guidato attraverso la conoscenza dei caratteri visivi, olfattivi e gustativi dei sette vini proposti. Un “viaggio” tra i colori, dal verdolino luminoso e brillante, al granato; tra i profumi, dal bouquet di fiori di campo al fruttato evoluto; tra i sapori, dal secco dry al morbido, caldo, avvolgente dei Prosecchi Valdobbiadene e dell’Amarone della Valpolicella. L’esperienza alla mescita, a diretto contatto con visitatori italiani e stranieri, le visite agli stand, le degustazioni guidate, hanno sicuramente rappresentato un momento formativo unico, reso possibile grazie all’impegno profuso e alla mission dell’Istituto Karol Woityla, da sempre impegnato nella formazione umana, culturale e professionale dei suoi studenti.

Flavia Pulvirenti

 

Progetto POF "L'arte del bere miscelato"

E-mail Stampa PDF

Si è svolto nel mese di marzo il progetto POF "L'arte del bere miscelato" curato dal prof. Giovanni Sapienza e che ha visto il coinvolgimento di diversi alunni delle classi seconde. Il progetto ha previsto l'insegnamento delle tecniche di preparazione e decorazione di bevande miscelate (cocktail), un argomento fondamentale per lo svolgimento della mansione di barman.

 

Progetto POF "Il cibo degli dei: il cioccolato"

E-mail Stampa PDF

Nel mese di marzo 2015 un gruppo di alunni ha partecipato al progetto POF "Il cibo degli dei: il cioccolato", tenuto dai proff. Salvatore Faro e Giovanni Sapienza. Il progetto ha previsto un percorso alimentare, degustativo e di preparazione di cocktail caldi e freddi, alcolici e analcolici in cui era presvista la presenza del cacao in tutte le sue forme. Il corso si è concluso con la preparazione di decorazioni (sempre con il cioccolato) per cocktail.

Giovanni Sapienza

 

Le antiche tradizioni enogastronomiche siciliane

E-mail Stampa PDF

Si è svolto dall’11 marzo all’1 aprile 2015, il Progetto POF“ L’arte e le tradizioni enogastronomiche Siciliane”, che ha coinvolto gli alunni più meritevoli delle terze classi di tutti i plessi del K. Wojtyla ad indirizzo enogastronomico, offrendo loro, un approfondimento delle proprie risorse e tradizioni. Il progetto è stato strutturato su 4 incontri, 1 a settimana, di cui 3 di laboratorio e 1 di lezione frontale che si è conclusa con la consegna degli attestati di partecipazione. “La cucina siciliana, espressione d'arte, cultura gastronomica molto antica, strettamente collegata a vicende storiche, culturali e religiose dell'isola. Un espressione artistica che mostra tracce e contributi di tutte le culture che si sono stabilite in Sicilia negli ultimi due millenni, motivo di attrazione turistica, nonché ritenuta la cucina più ricca di specialità e la più scenografica d'Italia”. Le attività di ricerca e di pratica di laboratorio, oltre a suscitare un immenso entusiasmo, hanno potenziato l’interesse degli alunni dal punto di vista culturale ed enogastronomico locale, consolidando l’acquisizione delle competenze professionali, rafforzando la propria autostima ed acquisizione di nuove competenze di relazione e di comunicazione, all’autopromozione, alla autovalorizzazione e alla diversità come valore, assodando in loro la consapevolezza del proprio futuro ruolo nell’ambito dello sviluppo territoriale, sociale ed economico.

Luca Nicolosi

 

European Goodwill Cup

E-mail Stampa PDF

Giovedì 26 marzo 2015 l'Istituto alberhiero "Karol Wojtyla", plesso di Viale Tirreno, ha organizzato un lunch in occasione del progetto "European goodwill cup" che si è svolto presso l'I.C. "P.A.Coppola" di Catania. Il pranzo è stato preparato dagli alunni della 3I EN sotto la supervisione dei proff. A. Rugolo e L. Nicolosi. Il servizio di sala è stato curato dagli studenti della 3I SV guidati dal prof. S. Abramo. Il servizio di accoglienza è stato curato dalle classi 2M, 1L e 1I e dal prof. A. Torrisi.

 

Giornate FAI di Primavera

E-mail Stampa PDF

Nei giorni 21 e 22 Marzo si sono svolte le giornate Fai di Primavera, anche se quest’anno la Primavera metereologica si fa attendere. Il tema di quest’anno è stato i luoghi di Vaccarini. Gli studenti delle classi III O AT e IV O AT, del plesso di via Anfuso hanno partecipato in qualità di Ciceroni e di Mediatori Culturali a Casa Vaccarini, aperta al pubblico per l’occasione. Alcuni alunni della V O AT hanno fornito il loro supporto ai delegati Fai presso la chiesa di S. Giuliano in via Crociferi.
Gli alunni sono stati preparati e accompagnati nella maratona di queste due giornate dalle professoresse Alessandra Mirone e Graziella Guerrera. Meglio di qualunque nostra parola parlano i servizi giornalistici effettuati da Rai 3 e dalle reti locali, nonché gli articoli di giornale che tra tante scuole, che hanno dato il loro supporto alla manifestazione, hanno puntato i loro obiettivi sui nostri alunni che hanno dimostrato, non solo una buona preparazione su argomenti di storia dell’arte, che come tutti sappiamo non si studia più, per paradosso, nei corsi turistici, ma si sono sperimentati, in due giorni di tempo per la preparazione, nella messa in scena di due momenti della vita di Giambattista Vaccarini e nella presentazione di opere d’arte contemporanea di artisti Siciliani, curata dalla dottoressa Marilisa Spironello dell’Accademia di Belle Arti di Catania. La Soprintendente, dott. Fulvia Caffo, insieme alla dott MariaTeresa Di Blasi della Soprintendenza di Catania si sono unite agli apprezzamenti nei confronti dei ragazzi presenti e della nostra scuola fatti dalla presidente del Fai dott. Antonella Mandalà, e hanno sottolineato come l’apporto della nostra scuola a tutte le manifestazioni organizzate dagli enti che rappresentano sia stato il valore aggiunto per la buona riuscita degli eventi . Questo genere di manifestazioni mette in risalto le capacità organizzative di un gruppo, la qualità della preparazione tecnica ma anche culturale dei nostri ragazzi, ed è auspicabile una più ampia diffusione e partecipazione di tutto l’Istituto a questi eventi che sono fonte di crescita non solo professionale ma anche personale.

Graziella Guerrera


 

Gusti moderni per menu alla carta

E-mail Stampa PDF

Gianluca Tomasi ex capitano della Nazionale italiana Cuochi ha incontrato martedì 10 marzo 2015 i docenti e gli studenti dell’Alberghiero “Karol Wojtyla” di Catania nell’ambito dell’aggiornamento professionale, sottolineando l’importanza di investire sui giovani per motivarli a svolgere il lavoro del cuoco come professione. Lo chef ha presentato alcune ricette internazionali spiegando la preparazione attraverso ingredienti della nostra cucina mediterranea affiancata dai commis: Francesco Lazzara, Carlo Coronati e Fernando Rathucamage. I giovani futuri operatori della ristorazione hanno avuto modo di apprezzare un approccio diretto e di notevole prestigio nella performance di presentazione di piatti, creando accostamenti, abbinando tempi di cottura, studiare il menu, come si sposano gli ingredienti, trasformarli, rielaborarli e personalizzarli, poiché, come sottolinea Seby Sorbello presidente Associazione cuochi etnei, “ogni provincia è un’isola nell’Isola e quindi ogni piatto cambia secondo il contesto territoriale. Occorre somministrare cibi che osservino le regole del benessere e della salute del cliente”. Il dirigente scolastico Daniela Di Piazza evidenzia “il nostro chef Tomasi è un modello da seguire e il vostro deve essere un cammino impegnativo con amore per la professione”. Un pomeriggio di crescita, chiarisce e bisogna sfruttare questi momenti di incontro per andare oltre la formazione, un valore aggiunto per la professionalità, dietro un cuoco non solo competenza di settore, ma un range di cultura generale, emozione di conoscenza e lo chef ha trasmesso esperienza sul campo e ha svelato in questo corso le regole d’oro per comporre un menu corretto, inoltre la NIC (Nazionale italiana cuochi) è emanazione ufficiale della federazione italiana cuochi, presente dal 2002 nelle iniziative legate alla promozione del made in Italy, soprattutto durante le competizioni internazionali, facendo risaltare che il lavoro di cucina sia eseguito sempre per regole e mai per eccezioni. La cultura gastronomica, non va solo in una direzione tra ingredienti locali ma la cucina è alchimia e arte.

Leggi tutto...
 


Pagina 10 di 16

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio online

RAV - Valutazione d'Istituto

PON 2007-2013

FSER 07-13 − Asse II − Ob.C

Progetto PON F3 2013-2014

La Scuola (il video)

I.P.S.S.A.R. "K. Wojtyla" si presenta
Piattaforma E-Learning

Italian Danish English French German Greek Irish Norwegian Portuguese Spanish Swedish

Chi è online

 177 visitatori e 1 utente online
Tot. visite contenuti : 14313983
Hospitality School
Le trasmissioni TV

DVD ETNA
GastroEtna

5O AT
Progetto MIUR
"Impresa in azione JA"

www.sceglicatania.com

50° Concorso A.I.B.E.S.

I.P.S.S.E.O.A "Karol Wojtyla"
27 aprile 2016
VIII Edizione
Trofeo “A. Di Piazza”

Catania 3-4 maggio 2016


Progetto Europeo Comenius
“ Le Mariage: toute une histoire... ”

Catania 19-24 aprile 2015
2° Trofeo A.N.M.I.
“ Il mare… nel piatto ”